Dalla crisi del covid-19 alle opportunità per il futuro di Taranto.

0 Commenti

Agli inizi del 2020, nessuno avrebbe mai immaginato cosa sarebbe accaduto nei mesi successivi a causa del COVID-19, e che l’emergenza sanitaria sarebbe diventata ben presto emergenza economica. Nella fase iniziale infatti, il fenomeno è stato ovunque sottostimato e anche la politica in un primo momento è sembrata smarrita e non supportata da strumenti scientifici.

Una volta resi conto del dramma, una chiusura ermetica ha sconvolto le vite dei cittadini. Per effetto di tale scelte, tutti i settori produttivi e sociali sono stati penalizzati! Taranto, in particolare nelle attività portuali, ha avuto pesanti percussioni a causa della Crisi COVID. Il mercato del lavoro ha fatto registrare un arretramento, e gli accordi presi da imprese con la nostra comunità sono stati congelati o dimensionati andando a danneggiare economicamente il territorio e le vite sociali dei suoi cittadini.

Nella mia esperienza come referente dell’ Agenzia per il Lavoro Homines Novi, posso confermare senza nessun problema che anche nell’ambito della formazione professionale, si è avuto un olocausto a causa di limitazioni molto serrati che hanno modificato il modo di accrescere cultura. Dalle aule delle scuole e degli enti preposti ad una Formazione a distanza (FAD) che sebbene sia riuscita a contrastare efficacemente il contagio, ha eliminato quel contatto umano che è alla base delle relazioni.

La FAD non ha dato risultati soddisfacenti, anzi ha allontanato la comunità giovanile e non solo, dall’idea che un percorso formativo qualificato e certificato può assicurare un inserimento lavorativo. Anche in ambito universitario, riporto sempre la mia esperienza come referente della Niccolò Cusano di Roma, la possibilità di non poter svolgere gli esami in sede, sempre per le restrizioni per contrastare la pandemia, ha danneggiato sia lo studente che nello svolgere l’esame in presenza aveva un incontro diretto con la facoltà e l’Università che ha la difficoltà di promuovere i percorsi formativi agli studenti attraverso quel rapporto di fidelizzazione che con l’incontro fisico elimina quella distanza che porta ad entrambe le parti il raggiungimento degli obiettivi prefissati.

Detto questo, l’attuale pandemia ad oggi sembra sotto controllo e la volontà di ritornare a riprenderci la nostra vita serena come la conosciamo è tanta. Per questo motivo grazie anche a Fondi Europei, stiamo lavorando da mesi per promuovere quei progetti finalizzati ad aiutare i cittadini a rialzarsi dalla Crisi Economica causata dal COVID-19. Uno di questi progetti, che sono fiero di aver sviluppato nel mio territorio dal settembre del 2021 quindi in piena pandemia con l’Ente di Formazione Homines Novi, è YES I START UP.

Questo progetto voluto dall’Agenzia Nazionale per lo Sviluppo di Impresa (INVITALIA) e dall’Ente Nazionale del Microcredito nasce per aiutare i cittadini a fare impresa. Il progetto si differenzia da tutti gli altri perché da l’opportunità a tutti quei cittadini che hanno una idea imprenditoriale a realizzarla ricevendo dei fondi a tasso 0 senza dare alcuna garanzia!! “senza dare alcuna garanzia” non è blasfemia ma è lo strumento che ad oggi ci ha permesso di aiutare tante persone che avevano perso il lavoro o giovani a realizzare il loro business. Il progetto è svolto a Taranto dall’Ente di Formazione Homines Novi, soggetto attuatore per le due agenzie governative, e nello specifico è un percorso formativo di 80 ore per la realizzazione di un Business Plan. Un esperto, un dottore in economia con esperienza nella realizzazione dei progetti di INVITALIA è il docente di questi corsi che si ripetono con cadenza mensile.

Ad oggi siamo arrivati alla nona edizione, e stiamo lavorando per realizzare le successive. I requisiti per poter partecipare sono lo status di disoccupazione ed è aperto sia ai NEET (giovani tra i 18 e i 29 anni), alle donne disoccupate e agli uomini senza limite di età ma che abbiano una Dichiarazione di Immediata disponibilità al Lavoro (DID) di almeno 12 mesi. Oltre YES I START UP, il nuovo progetto Garanzia Giovani, ci permetterà di formare NEET per la formazione professionale finalizzata all’inserimento lavorativo. I corsi che stiamo sviluppando, dopo una ricerca di mercato sono Segreteria di Studio Medico, Accoglienza Turistica e Marketing ed e- commerce. Questi corsi da 200 ore saranno retribuiti 300,00€ e i discenti riceveranno anche materiale didattico e un Tablet per lavorare in sincronia con il docente. L’Ente di Formazione Homines Novi si trova in Viale Virgilio 20Q a Taranto ed è disponibile ad accogliere la cittadinanza interessata ai suoi servizi.

Costruiamo insieme il tuo FUTURO

Scrivici


Scrivici

ti contatteremo al più presto