La Puglia anche quest’anno è scelta come meta turistica

0 Commenti

Sempre più richieste per trascorrere le vacanze in Puglia, ma occorre formazione nell settore turistico

La Puglia diventa per il secondo anno consecutivo una delle mete turistiche preferite: il suo mare fa aumentare le prenotazioni. La sfida degli operatori economici è quella offrire un servizio di qualità, impiegando personale formato e qualificato.

Dopo due anni di pandemia si prevede per questa estate un aumento delle richieste di prenotazioni in Puglia. Secondo il report di analisi turistico-territoriale, realizzato da Isnart (Istituto nazionale ricerche turistiche) per Unioncamere Puglia è emerso che i turisti si recano in Puglia principalmente per il mare (24,1 per cento). Segue la ricchezza del patrimonio artistico/monumentale (21,8%). Tra le altre: il 14,5% dei turisti sceglie la Puglia per riposarsi, il 13,4% per lo shopping e il 9% per interessi gastronomici.  E’ chiaro che maggiore è l’affluenza turistica e più gli operatori del settore devono essere in grado di rispondere alle esigenze dei vacanzieri, mettendo a disposizione del cliente personale qualificato e formato. Occorre acquisire la consapevolezza che chi opera in questo settore non può più improvvisarsi, ma deve essere in grado di rispondere al meglio a ciò che il turista chiede, al fine di fidelizzarlo e di offrire un servizio di qualità. La formazione diventa uno strumento per raggiungere tale obiettivo, specie per ciò che riguarda il momento dell’accoglienza, in quanto il turista deve sentirsi consigliato e coccolato, per vivere al meglio il suo momento di relax.

 

Costruiamo insieme il tuo FUTURO

Scrivici


Scrivici

ti contatteremo al più presto